Padre Matteo Ricci
 

Date principali

 

La vita


1552 

Il 6 ottobre nasce a Macerata


1561-68

Studia nel collegio dei Gesuiti a Macerata


1568

Viene inviato dal padre a Roma a studiare Diritto

 

1571

Interrompe gli studi ed entra nel noviziato della Compagnia di Gesù

 

1572-77  

Emette i primi voti; trascorre alcuni mesi in un collegio in Toscana (forse Firenze), quindi acquisisce una preparazione umanistica e scientifica al Collegio Romano

 

1577

Destinato alle missioni d'Oriente, si reca a Lisbona, dal cui porto ogni primavera partono navi per l'India. Attende sei mesi nel collegio di Coimbra, iniziando forse a studiare teologia

 

1578  

Salpa il 24 marzo da Lisbona e giunge il 13 settembre a Goa

 

1579-82  

Compie gli studi teologici; insegna lettere classiche ai ragazzi dei collegi di Goa e Cochin; viene ordinato sacerdote (1580); riceve l'ordine di recarsi a Macao per aiutare il p. Ruggeri nel tentativo di entrare in Cina. Il 7 agosto 1582 giunge a Macao

 

1583    

In settembre entra in Cina con Ruggeri e fonda con lui la prima residenza di Zhaoqing

 

1584  

Pubblica il primo Mappamondo cinese. Collabora con Ruggeri alla prima stesura in cinese del Catechismo

 

1588  

Dopo alcuni tentativi falliti di aprire nuove residenze, Ruggeri è inviato a Roma per sollecitare una ambasciata dal Papa presso l'imperatore della Cina. Ricci rimane a Zhaoqing con il p. De Almeida

 

1589  

Il nuovo viceré del Guangdong espelle i missionari da Zhaoqing. Dopo varie trattative, Ricci ottiene di essere inviato a Shaozhou, dove fonda la seconda residenza

 

1592    

La residenza di Shaozhou è assalita da ladri. Ricci si sloga un piede permanentemente

 

1593  

Inizia a scrivere il Catechismo in cinese

 

1594  

Primo tentativo di raggiungere Pechino al seguito di un generale destinato in Corea. Giunto a Nanchino, deve tornare indietro

 

1595  

Si ferma a Nanchang, dove fonda la terza residenza e pubblica la prima opera in cinese: il trattato sull'amicizia

 

1597  

È nominato superiore della missione cinese

 

1598  

Al seguito del ministro dei riti Wang Chung Ming raggiunge Pechino, che decide tuttavia di lasciare a causa della guerra di Corea

 

1599  

Si stabilisce a Nanchino e vi fonda la quarta residenza missionaria

 

1600  

In maggio parte di nuovo per Pechino, ma è arrestato sul cammino dal potente eunuco Ma Tang, che lo trattiene nella fortezza di Tientsin fino al gennaio

 

1601.24.gen  

In forza di un decreto imperiale, viene accolto nella Città Proibita come ambasciatore d'Europa. Vivrà a Pechino fino alla morte sostenuto dall'imperatore e a spese del pubblico erario

 

1602  

Ristampa in terza edizione il Mappamondo cinese

 

1603  

Stampa il Catechismo o Vera Spiegazione del Signore del Cielo

 

1605  

Pubblica il Sommario della dottrina cristiana e le Venticinque sentenze morali

 

1607  

Pubblica la traduzione dei primi sei libri della Geometria di Euclide, in collaborazione con l'amico Xu Guangqi

 

1608  

Stampa i Dieci paradossi o Dieci capitoli di un uomo strano; nello stesso anno inizia la redazione della sua opera storica, Della Entrata della Compagnia di Giesù e Christianità nella Cina

 

1610  

11 maggio, muore a Pechino dopo una breve malattia. Alla morte di Matteo Ricci, l'Impertore Wanli, oltre a proclamare una giornata di lutto nazionale, per la prima volta nella storia della Cina, concesse che uno straniero venisse sepolto nel terreno imperiale. La tomba del gesuita maceratese si trova oggi all'interno del Cimitero di Zhalan, presso il Collegio Amministrativo di Pechino (Beijing Administrative College), situato nei pressi del Tempio delle Cinque Pagode, alla periferia nord-ovest della città

 
 

Il dopo Ricci


1610    

Morte di Ricci. Subito dopo inizia una discussione su due (traduzione di Deus e morale confuciana) dei tre temi centrali della questione dei riti all'interno della Compagnia.

 

1632  

Entrano in Cina i domenicani e, poco dopo, i francescani, che iniziano ad opporsi ai gesuiti e alla politica ricciana dei riti cinesi.

 

1645    

Innocenzo X condanna i riti cinesi.

 

1656  

Su pressione dei gesuiti, Alessandro VII modifica il decreto precedente rendendolo non cogente.

 

1692  

L'imperatore Kangxi concede un permesso di libera pratica del cristianesimo, inteso come culto privato dei missionari e dei convertiti, ma subordinato all'ortodossia confuciana.

 

1693  

L'amministratore apostolico del Fujian, Mons. Maigrot, condanna i riti cinesi.

 

1704  

Il tribunale dell'Inquisizione condanna i riti cinesi e Clemente XI conferma il decreto di Innocenzo X.

 

1705-1706  

Serie di incontri della delegazione papale, guidata dal card. Maillard de Tournon, con l'imperatore Kangxi


1706  

L'imp. Kangxi dispone che i missionari possano restare in Cina soltanto se autorizzati da uno speciale permesso (piao), al fine di ribadire il primato dell'imperatore nella questione dei riti.

 

1715  

Solenne costituzione di Clemente XI (Ex illa die), che proibisce ai cattolici cinesi di praticare i riti, sconfessando l'opera di Matteo Ricci e dei gesuiti.

 

1720-21 

Missione in Cina del legato Carlo Antonio Mezzabarba, patriarca di Alessandria.

 

1724  

L'imperatore Chunxi espelle i missionari dalla Cina.

 

1735    

Clemente XII condanna la pubblicazione, da parte del vescovo di Pechino, degli "otto permessi" segreti concessi dal Mezzabarba e ribadisce la condanna dei riti cinesi.

 

1742  

Benedetto XIV, nella bolla Ex quo singolari, ricostruisce la storia dei riti cinesi e li condanna di nuovo, ordinando espressamente l'osservanza delle costituzioni e dei decreti precedenti e proibendo persino di parlare dell'argomento. Ma ormai la porta della Cina è chiusa, non soltanto alla Chiesa di Roma, ma anche al "grande Occidente" che essa rappresenta.

 

1939  

Pio XII, su proposta di Propaganda Fide, riapre la questione e dichiara praticabili, in certe condizioni, i riti cinesi.



Tratto da:

Filippo Mignini, Matteo Ricci un modello di evangelizzatore: amico della Cina e portatore del Vangelo, in Corso per studenti di teologia, Matteo Ricci, dialogo tra Cina ed Occidente, Roma 9-12 luglio 2007, Mediagraf SpA, Noventa Padovana 2008, pp. 60-111 .

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Copyright © 2009 Comitato Celebrazioni Padre Matteo Ricci

Sito realizzato con CMS per siti accessibili e-ntRA - RA Computer Spa